MotoGP: cosa aspettarsi da Bagnaia?

Il 25 febbraio si sono conclusi gli ultimi test invernali in Qatar per quanto riguarda la MotoGP e l’apprendistato di Pecco Bagnaia pare procedere bene

Mancano pochi giorni all’inizio della nuova stagione del motomondiale 2019. Pecco Bagnaia, assunto dal team Pramac per rimpiazzare Danilo Petrucci (promosso nel team ufficiale, cliccate qui se volete sapere la sua storia), inizia così la sua nuova avventura nella classe regina. Il suo adattamento alla Ducati Desmosedici GP pare essere stato immediato. Certo, ancora la strada è lunga prima che il pilota torinese prenda la massima confidenza con il mezzo, però nei test di Valencia e di Jerez ha già dato l’impressione di aver guidato quella moto da sempre. Insomma, sembra ben promettere. Il suo obiettivo rimane quello di diventare il rookie of the year 2019 e già dal primo GP la voglia di fare bene c’è. Nella top 10, almeno dal mio punto di vista, ci arriva tranquillamente. Azzarderò. Secondo me può arrivare già tra i primi 5 già in Qatar.

Non è, però, la prima volta che guida la Desmosedici

Pecco Bagnaia in azione sulla Ducati Desmosedici del team Aspar nel post stagione 2016
Pecco Bagnaia in azione sulla Ducati Desmosedici del team Aspar nel post stagione 2016

Non so in quanti se lo potranno ricordare, ma Pecco Bagnaia aveva già guidato una Ducati MotoGP. L’occasione però fu diversa perché in primis doveva svolgere la sua prima stagione in Moto2 nel team Sky VR46. In quella circostanza gli fu data l’occasione di provare una MotoGP proprio come premio per l’ottima stagione 2016 svolta su Mahindra in Moto3 proprio col team Aspar. Diciamo che ora, appunto, le circostanze sono cambiate e la sella che ha sulla Desmosedici del team Pramac è più che meritata per il campione del mondo in carica della Moto2.

Presentata nella giornata di ieri la Ducati del team Pramac 2019

Pecco Bagnaia e la sua Ducati GP. Livrea realizzata dal centro stile Lamborghini
Pecco Bagnaia e la sua Ducati GP. Livrea realizzata dal centro stile Lamborghini

Con la giornata di ieri, appunto, è stata svelata la nuova livrea per la Ducati del team Pramac. Livrea realizzata esclusivamente dal centro stile Lamborghini. Sentiamo cosa ha dichiarato il pilota torinese: “Il peso è identico alla Moto2, la potenza è il doppio se non di più, è incredibile tutto l’insieme. Mi sono trovato subito bene, è una moto sincera e che ti dice tanto… In MotoGP ognuno ha tanto lavoro da fare, Jack con la moto ufficiale ha un lavoro ancora più grande. Il mio è adattamento, loro invece stanno provando dei pezzi nuovi da poter portare nella stagione. Con Jack ci sarà del lavoro che potremo fare insieme nei week-end di gara, ma per il momento nei test è difficile collaborare… Nei test abbiamo fatto bene, giro dopo giro il feeling con la moto è cresciuto. Il primo Gran Premio, però, è già alle porte e non vedo l’ora di scendere in pista in Qatar.”

Federico Gallina

Ciao a tutti i lettori! Sono da sempre appassionato al mondo delle due ruote, una passione che nasce sia dal papà (motociclista dentro), tifoso di Max Biaggi; sia dal nonno, il quale mi aveva fatto fare per la prima volta la sua girata sul suo scooter. Per 10 anni della mia vita, però, sono stato portiere di calcio, col sogno di poter correre in moto un giorno. Il 20 gennaio 2017 ho aperto la pagina facebook di Informoto, una pagina che parlava di tutto il mondo delle due ruote. Nel 2018 ho realizzato il mio sogno di correre in moto (TORM). Eccomi, questa è la mia vita in breve fino ad ora.